Phil Collins compie 72 anni: scopri l'omaggio speciale di Antenna 1

30 gennaio 2023 - 06:59 - 1977 visualizzazioni

Rivivi la carriera del mitico musicista inglese

Oggi è tempo di celebrare la vita e la carriera di Phil Collins, che compie 72 anni. L'ex batterista del misterioso gruppo rock inglese Genesis, ha consolidato il suo successo soprattutto grazie alla sua carriera solista. Collins ha realizzato diversi successi nelle classifiche degli Stati Uniti. È grazie al suo enorme riconoscimento nel mondo della musica che Antenna 1 non poteva non rendere omaggio a questo artista così consacrato.

PhilCollins_aniver.jpg (43 KB)

Vita e carriera

Collins è cantante, musicista, compositore, produttore musicale e attore. Questa affinità con le arti è emersa quando il cantante era ancora molto giovane: a 5 anni ha ricevuto una batteria giocattolo come regalo di Natale. Il ragazzo si è innamorato del regalo e, con il passare degli anni, ha acquisito set professionali, esercitandosi e cantando frequentemente. La passione per gli strumenti musicali è nata da una delle sue maggiori ispirazioni, i Beatles - in particolare Ringo Starr.

E, l'affascinamento di Collins non si è fermato alla batteria. A 12 anni ha iniziato lezioni di pianoforte, facendo sì che il suo lato artistico emergeva sempre di più. Così, a 14 anni ha lasciato la scuola e ha iniziato a recitare in ruoli di comparse, finché non è riuscito a far parte del film dei Beatles "A Hard Day's Night" (1964). Questo contatto con grandi produzioni ha introdotto l'artista a persone importanti dell'industria, permettendogli di integrarsi in alcuni gruppi come batterista.

collins.jpg (189 KB)

Nel 1967 è nato Genesis, e pochi anni dopo, nel 1971, Collins si è unito come batterista e cantante. La partecipazione dell'artista è stata eternata nel terzo album del gruppo "Nursery Cryme", in cui Collins cantava anche il coro principale. In quei momenti diventava chiaro il grande talento e la molteplicità di Phil Collins, che aveva solo bisogno di un'opportunità per decollare.

Non ci volle molto tempo perché il batterista diventasse il cantante principale di Genesis. Tutto è accaduto subito dopo la partenza di Peter Gabriel, durante la registrazione dell'album "A Trick of the Tail" nel 1975. L'esordio dell'album ha solo rafforzato ancora di più il talento di Phil, poiché la produzione è stata un successo commercial

Genesis Band

Nel febbraio 1981 l'artista pubblicò il suo primo album, "Face Value", che fu il calcio d'inizio per iniziare la sua carriera da solista. Così, ha firmato con Virgin Records e WEA per la distribuzione americana. La produzione di questo album è avvenuta in modo meticoloso, con il musicista presente in tutte le fasi dell'esecuzione dell'album. Anche il libretto, su cui Collins ha scritto a mano alcune note.


Con tutto questo apprezzamento, c'era da aspettarsi che l'album sarebbe stato un successo assoluto, raggiungendo la vetta della classifica degli album del Regno Unito. Inoltre, classificato come un successo internazionale, ha raggiunto il numero uno in altri sei paesi e il numero sette negli Stati Uniti, dove ha venduto 5 milioni di copie.

Phill4.png (60 KB)

Con tutto questo apprezzamento, c'era da aspettarsi che l'album sarebbe stato un successo assoluto, raggiungendo la vetta della classifica degli album del Regno Unito. Inoltre, classificato come un successo internazionale, ha raggiunto il numero uno in altri sei paesi e il numero sette negli Stati Uniti, dove ha venduto 5 milioni di copie. Questo è stato il primo risultato di molti altri che sarebbero emersi nella carriera del cantante. Quando si parla di Phil Collins non si possono non citare altri importanti traguardi. Come la canzone “Against All Odds”, che ha composto per il film “Passions Forbidden” (1984).


Parte dell'album "No Jacket Required", il singolo è stato il primo in tutta la sua carriera a raggiungere la vetta della Billboard Hot 100, oltre a vincere un Grammy Award per la migliore performance vocale pop maschile. Inoltre, il brano gli è valso anche una nomination all'Oscar per la migliore canzone originale. Questo album conteneva anche altre canzoni estremamente sorprendenti amate dai fan di Collins, come "Sussudio", "One More Night", "Take Me Home".


Nel 1985 l'artista si unì ai Genesis per sviluppare il suo terzo album in studio, l'iconico "Invisible Touch". Il lancio avvenne nel 1986, e fu un trionfo assoluto. Con 6 milioni di copie vendute negli Stati Uniti e 1,2 milioni nel Regno Unito, è stato l'album più prestigioso del gruppo. Non c'è da stupirsi che la band abbia ricevuto un Grammy e una nomination agli MTV Video Music Award come Video of the Year nel 1987 per "Land of Confusion".
Nel marzo 1996, Collins lascia i Genesis per concentrarsi una volta per tutte sulla sua carriera da solista, che non ha smesso di crescere ed è ancora presente nei più diversi scenari musicali.

Commenti(0)

Log in to comment