Nel 1967 fu Pubblicata la prima edizione della rivista Rolling Stones

10 novembre 2023 - 09:16 - 837 visualizzazioni

LA RIVISTA CONTROCULTURALE CHE HA RIDEFINITO LA CULTURA MUSICALE PER GENERAZIONI

Chi è venuto prima: la rivista Rolling Stone o la band dei Rolling Stones ? Nel 1967, Jann Wenner decise di intitolare la sua rivista in onore di un saggio che il critico musicale Ralph J. Gleason aveva scritto sui Rolling Stones, sulla canzone di Bob Dylan "Like a Rolling Stone " e sull'impatto culturale degli anni '60.

All'epoca decisero che "il mondo aveva bisogno di un giornale rock and roll", e Wenner rifletté che mancava "una voce giornalistica, una voce critica, una voce interna, una voce evangelica - per rappresentare quanto seria e importante la musica e la cultura musicale è diventata." Ed è così che, il 9 novembre, nasce il rivoluzionario quindicinale.

10468.jpg (116 KB)

Rolling Stone è stato ispirato dal movimento underground di San Francisco negli anni '60 e '70. Quell'estate, la " Summer of Love " a San Francisco servì da catalizzatore per la nascita di Rolling Stone. Con Gleason e Wenner disoccupati alla fine dell'estate, i due iniziarono a raccogliere fondi per avviare una pubblicazione che avrebbe dato ai musicisti una voce seria e documentato la cultura che circonda il rock and roll. Il primo numero aveva John Lennon in copertina, contenente il titolo "How I Won The War" (titolo del film a cui partecipò), e aveva una piccola spiegazione su quale sarebbe stato lo scopo della rivista:

“ Probabilmente ti starai chiedendo cosa stiamo cercando di fare. Difficile dirlo: una specie di rivista e una specie di giornale. Il suo nome è Rolling Stone, che deriva da un vecchio detto: "Una pietra che rotola non raccoglie muschio". Muddy Waters ha usato il nome per una canzone che ha scritto. I Rolling Stones hanno preso il nome dalla canzone di Muddy. "Like a Rolling Stone" era il titolo del primo album rock and roll di Bob Dylan. Abbiamo avviato una nuova rivista che riflette quelli che vediamo essere i cambiamenti nel rock and roll .

La rivista inizialmente si identificò e riferì sulla controcultura hippie dell'epoca. Tuttavia, prese le distanze dai giornali dell'epoca, come Berkeley Barb o Ramparts , abbracciando standard giornalistici più tradizionali ed evitando le forti posizioni politiche della stampa clandestina – a causa del rischio di associazione negativa con gli inserzionisti. Nel primo numero, Wenner scrisse che Rolling Stone “ non riguarda solo la musica, ma le cose e gli atteggiamenti che la musica abbraccia ”.

Negli anni '70, Rolling Stone iniziò a lasciare il segno con la sua copertura politica, con persone come il giornalista gonzo Hunter S. Thompson che scrivevano per la sezione politica della rivista. Thompson pubblicò per la prima volta la sua opera più famosa, "Paura e delirio a Las Vegas", sulle pagine della rivista, dove rimase collaboratore fino alla sua morte nel 2005.

Unì efficacemente passione e professionalità e cominciò a definire tendenze e gusti musicali sempre più significativi. Oltre a Thompson, la fotografa Annie Leibovitz iniziò a scattare fotografie negli anni '70, e all'inizio dice che nessuno alla rivista era molto interessato alle foto; Sono stati i testi ad essere il momento clou più grande. “ Gli scrittori, soprattutto quelli dei giornali, erano abituati a lavorare con i fotografi che li accompagnavano per illustrare le loro storie. Ma un fotografo può vedere cose che forse lo scrittore non vede ”. Tuttavia, le sue opinioni uniche e le sue esperienze esterne l'hanno resa la fotografa di alcune delle copertine più iconiche della rivista.

johnlennonnuyokoonoemcaparollingstoneeuaannielebowitzreproducao.jpg (93 KB)

Da allora in poi, le apparizioni sulla copertina erano molto ambite e artisti come Madonna , Michael Jackson, David Bowie e Fleetwood Mac hanno segnato il loro posto con foto uniche che sono state immortalate dalla rivista. Rolling Stone è diventata la prova che non è importante chi presenti nella tua rivista, ma piuttosto cosa ne fai e chi mandi a imbottigliare e conservarli per sempre.

1977-0324-rs235.jpg (134 KB)

Catharina Morais
giornalista

Commenti(0)

Log in to comment