YOKO ONO RUBA LA SCENA NELLO STORICO DUETTO TRA CHUCK BERRY E JOHN LENNON

18 aprile 2024 - 11:13 - 886 visualizzazioni

STORICA PERFORMANCE, CON L'URLO DI YOKO ONO

All'inizio della loro carriera, alla fine degli anni '50, i Beatles avevano un repertorio basato sulle interpretazioni dei successi dei pionieri del rock and roll americano. I Fab Four erano fan dichiarati di Chuck Berry, le cui canzoni venivano costantemente scelte per essere suonate nei loro spettacoli e alla radio.

In un'intervista del 1971 con Rolling Stone USA , John Lennon disse: "È uno dei più grandi poeti di tutti i tempi, potresti chiamarlo un poeta rock... Era molto in anticipo sui tempi dal punto di vista lirico. Dovremmo tutti molto a lui , incluso Dylan, ho amato tutto quello che ha fatto, sempre in una classe diversa rispetto agli altri artisti."

Un anno dopo, Lennon e Yoko Ono condussero per una settimana un programma televisivo dell'epoca, The Mike Douglas Show . Incaricati di scegliere quali sarebbero state le attrazioni, chiamarono Berry per una presentazione. "Se provassi a dare un altro nome al rock and roll, potresti chiamarlo Chuck Berry", disse Lennon al The Mike Douglas Show nel 1972.

Il risultato è stato una collaborazione memorabile tra due leggende del rock and roll. Berry e Lennon, con Ono alle percussioni e una band di supporto, eseguirono "Memphis, Tennessee" e "Johnny B Goode".

Oltre alla performance spettacolare, un altro aspetto attira l'attenzione sul video. Dopo pochi minuti di spettacolo, Yoko prende il microfono e lancia una sorta di urlo avanguardista. La reazione di Chuck Berry è immediata e assolutamente incommensurabile. Lui però si riprende in fretta e i due continuano a giocare, naturalmente. Nel bene e nel male, diventa chiaro che il microfono di Yoko viene spento poco dopo questo momento.

il video della interpretazione di John Lennon

Maria Augusta Messia
giornalista

Commenti(0)

Log in to comment